Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

560. La madre de le Sante

 

Chi vvò cchiede la monna a Ccaterina,
pe ffasse intenne da la ggente dotta
je toccherebbe a ddí vvurva, vaccina,1


e ddà ggiú2 co la cunna3 e cco la potta.

 

Ma nnoantri fijjacci de miggnotta
dìmo4 scella,5 patacca, passerina,
fessa, spacco, fissura, bbuscia, grotta,
fregna, fica, sciavatta, chitarrina,

 

sorca, vaschetta, fodero, frittella,
ciscia, sporta, perucca, varpelosa,
chiavica, gattarola, finestrella,

 

fischiarola, quer-fatto, quela-cosa,
urinale, fracoscio, ciumachella,
la-gabbia-der-pipino, e la-bbrodosa.

 

E ssi vvòi la scimosa,6
chi la chiama vergogna, e cchi nnatura,
chi cciufèca, tajjola,7 e ssepportura.

 

Roma, 6 dicembre 1832

 




1 Vagina.

2 Dar giù, cioè: «seguitare».

3 Cunno.

4 Diciamo.

5 Cella.

6 Cimosa: lembo rozzo di drappi: sta per «giunta, un-di-più».

7 Tagliuola.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License