Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

572. Un pessce raro

 

Tra le trijje, linguattole1 e sturioni
com’e cquelli ch’er Papa magna a ccena,
tra li merluzzi e llantri pessci bboni
de che llacqua der mare è ttutta piena,

 

ce sta un pessce c’ha ttanti de zinnoni,
faccia de donna e ccoda de bbalena,
e addorme l’omo co li canti e ssòni;
e sto pessce se chiama la serena.2

 

Disce er barbiere3 e llantre ggente dotte
che sta serena tutte le sonate
e le cantate sue le fa de notte.

 

Ecco dunque perché le schitarrate
che ffanno li paini4 a le mignotte,
le sentimo chiamà le serenate.

 

Roma, 8 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Sògliole.

2 Sirena, sulla quale il popolo spaccia le più strane notizie.

3 Ne’ barbieri e ne’ calzolari risiede tutto lo scibile del volgo: e sono essi tenuti per oracoli!

4 Eleganti, damerini, ecc. Chiunque ha un abito con falde è un paino.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License