Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

616. Er commercio libbero

 

Bbe’! Ssò pputtana, venno1 la mi’ pelle:
fo la miggnotta, , sto ar cancelletto:2
lo pijjo in cuello largo e in cuello stretto:
c’è ggnentantro da ? Che ccose bbelle!

 

Ma cce stat’io puro, sor cazzetto,
zitella com’e ttutte le zitelle:
e mmó nun c’è cchi avanzi bajocchelle
su la lana e la pajja der mi’ letto.

 

Sai de che mme laggn’io? dder mestiere,
che ssaría bbell’e bbono, e cquanno bbutta3
nun ttrovasse ar monno antro piascere.

 

Ma de ste dame che stanno anniscoste
me laggno, che, vvedenno cuanto frutta
lo scortico,4 sciarrubbeno le poste.5

 

Roma, 16 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Vendo.

2 Meretrice da cancelletto, che abita a pianterreno, avendo un basso portello onde l’ingresso serva ancora di finestra alla stanza.

3 Rende lucro.

4 Il puttaneggiare.

5 Avventori.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License