Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

626. Li fratelli Mantelloni1

 

Ma cchi? cquelli che vvanno ar Caravita
la sera, e cce se sfrusteno er furello?2
ttutti galantommini, fratello;
ggente, te lo dich’io, de bbona vita.

 

Cuarcuno, si ttu vvòi, porta er cortello:
a cquarcuno je piasce l’acquavita:
cuarchidunantro è un po’ llongo de dita;3
ma un vizzio, ggià sse sa, bbisogna avello.4

 

Ma ppoi tiengheno ttutti er mantellone,
e ccor Cristo e le torce cuann’è ffesta
accompaggneno er frate a le missione.

 

E ’ggni sera e per acqua, e ppe ttempesta,
vanno pe Rroma cantanno orazzione
coll’occhi bbassi e ssenza ggnente in testa.

 

Roma, 19 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Su costoro e quel che segue vedi la nota… del son…

2 Ano.

3 Ladro.

4 Averlo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License