Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

628. Er Re de li Serpenti

 

Si un gallo, fijja mia, senza ammazzallo
campa scentanni, eppoi se mette ar covo,
in cap’a un mese partorisce un ovo,
e sta dduantri mesi pe ccovallo.

 

Eppoi viè ffora un mostro nero e ggiallo,
’na bbestia bbrutta, un animale novo,
un animale che nun z’è mmai trovo,
fatto a mmezzo serpente e mmezzo gallo.

 

Cuesto si gguarda l’omo e sbatte l’ale,
come l’avessi condannato er fisco1


lo fa rrestà de ggelo tal’e cquale.

 

Una cosa sortanto io nun capisco,
ciovè ppe cche raggione stanimale
abbino da chiamallo er basilisco.

 

Roma, 19 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Il fisco ti condanna a morte è la solita formula, con la quale si annunzia la sentenza capitale.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License