Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

636. La fijja sposa

 

Ma ccome! è ttanto tempo che tte laggni
che rrestavi pe sseme de patata,1


e mmó che stai per èsse maritata
co cquello che vvòi tu, ppuro sce piaggni?

 

Mo cche cquer catapezzo2 te guadaggni,
me sce fai la Madonna addolorata!
Tu gguarda a mmé: m’ha ffatto male tata?
Sti casi ar monno ttutti compaggni.

 

Che ppaur’hai der zanto madrimonio?
Nun crede, fijja, a ste lingue maliggne:
tu llassete serví, llassa Antonio.

 

E cquanno sentirai che spiggne spiggne,
statte ferma, Luscía, perché er demonio
nun è ppoi bbrutto cuanto se dipiggne.3

 

Roma, 21 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Cioè: «rimanere inutilmente zitella».

2 Catapezzo: giovanotto robusto.

3 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License