Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

642. La vista

 

Li preti bbonissimi Siggnori,
ma nnun pe cquesto l’hai da crede ssciocchi.
Se la danno la pátina de ggnocchi,
ma cquella è ggnocchería tutta de fori.

 

Perché da cuanno naschi inzin che mmori
er prete te sta ssú cco tanti d’occhi
pe vvedé cquer c’assaggi e cquer che ttocchi,
e ssi ffreghi, e ssi arrubbi, e ssi llavori.

 

Lui te vede si vvienghi e ssi vvai via:
vede quer che sse vòta e cquer che ssempie;
e tte fa da Spacoccio e Ccasamia.1

 

Cuest’è un male però che cchi ha cquadrini
je lo cura appricannoje a le tempie
un ceroto de pasta de zecchini.

 

Roma, 22 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Due famigerati Astrologi almanacchisti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License