Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

645. Lo sprego

 

M’ha ddetto er Moro che mme venne er riso
che le Bbolle ch’er Papa de Turchia
rigala a cchi le crompa1 in Dataria,
dispenzeno a ttenute er paradiso.

 

Pe ddí la verità, mme ne rriso;
ché mme pare una gran cojjoneria
d’annasse a pperde tra ccinquanta mia2
dove t’abbasta de ficcacce er viso.

 

Pe vvisità la grolia3 tua, fratello,
te sce vorebbe la carrozza a mmolle
come annassi da Roma a Vviggnanello.4

 

Pe mmé mme ne tierría sei canne o ssette;
e dder resto, vennènnose ste Bbolle,
me ne farebbe ttante bbollette.5

 

Roma, 22 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Compera.

2 Miglia.

3 Gloria.

4 L’antico Ignerellum, quindi Julianellum, ed oggi Vignanello, terra nella provincia del Patrimonio.

5 Polizzine e chiodetti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License