Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

649. Er governà

 

Pe ggovernà1 sti ggiacubbini, proprio
nun ze nné coll’ojjoccor brodo;
e ssippuro ciaccenni2 er cornacopio
pe ccercà er dritto-filo, ah,3 nnun c’è mmodo.

 

Er Papa c’ha dda ? mmó jje llopio,
e mmó jje bbatte e jjaribbatte er chiodo:
ma ppe cquanto s’ingeggni a Mmodo Propio,4
ancora suda e nnun ssciojje er nodo.

 

’Na vorta la fa ssciapa, una la sala:
un giorno abbassa, un antro arza li pesi;
e sse spassa accusí ccor cresceccala.5

 

Finarmente oggi, doppo avecce intesi
li pettirossi co le penne in gala,
fa ccapo-logo tutti li paesi.6

 

Roma, 23 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Vocabolo significante tanto il reggere, quanto il cibare.

2 Seppure ci accendi, ecc.

3 Pronunziato con un certo accento vivo e quasi d’impazienza, è negativa.

4 Motu proprio: nome degli Hattiscerif pontifici.

5 I cresceccala sono bacchette di cristallo rintorte in figura di spirale, che i fanciulli assai si dilettano di far girare fra i loro diti, onde godere dell’effetto indicato dal loro nome.

6 Si allude alla instituzione di nuove Delegazioni, erette in premio della fedeltà di alcune terre all’epoca del 1831.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License