Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

650. Un indovinarello1

 

C’è un uscello de razza de cuccú,
che ccanta sempre e pporta in testa un O,
che ttiè le spalle de color ponzò,
e ttutto bbianco poi dar mezz’in giú.

 

Gnitanto crepa e ppoi ritorna su,
e ccampa de zecchini e ppagarò:2
che ppò ffà ttutto cuer che nnun ze ;
e ccomparze a la morte de Ggesú.

 

Stuscello bbianco e rrosso sempre scià3
tanti corvacci neri intorn’a ssé
che de colore lui li ccambià.

 

Ggnitanto muta nome, e mmó ttiè un G:
nun ha fijji e lo chiameno Papà:
Ell’e , indovinate che ccos’è.4

 

Roma, 23 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Un indovinello.

2 Polizzine di pagamento.

3 Ci ha.

4 Tutti gl’indovinelli popolari terminano con questa formula.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License