Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

653. L’onore muta le more1

 

Perché adesso ha ttrovato cuarchiduno
che jje mmezza-piastra oggni futtuta,
come ccazzi d’un papetto2 l’uno
se mette su li tràmpeni3 e cce sputa.4

 

Se crede duncue sta siggnora Tuta
ch’io mancannome lei resti a ddiggiuno?
Ggnente, a la fin der gioco Iddio m’ajjuta
senza llaverabbile5 a ggnisuno.

 

Lo so, lo so: er zutiro prencipale
è ccher prelato suo muti colore;
ma antro culo sce ppe un cardinale.

 

E abbadi a llei che ppuro6 er monziggnore
cuanno semo a le feste de Natale
nu la lassi pe mmancia ar zervitore.

 

Roma, 23 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Honores mutant mores.

2 Vedi la nota 1 del sonetto

3 Trampoli.

4 Sputare su qualche cosa, vale: «disprezzarla».

5 L’averabbi: senza umiliarmi, piaggiare, ecc.

6 Anche.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License