Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

668. Cazzo pieno e ssaccoccia vota

 

Hai le paturne,1 eh Pimpa?2 Me dispiasce,
perché ho da fatte una dimanna bbuffa:
si mmai sciavessi con tu’ bbona pasce
’no scampoletto de patacca3 auffa.4

 

Già lo sapevo: tu nun zei capasce
de ggnisun servizzio a cchi nun sbruffa.5
E io dirò ccome che disse Arbasce:
duncue, reggina, addio: tiecce6 la muffa.

 

Nun è vvero ch’io sii duro de reni:7
propio nun ciò un bajocco, da cristiano,8
pe ppoté ffatte9 l’accession10 de bbeni.

 

Ma ssenza la tu’ chiavica de Fiano,11 cuanno me sento li connotti pieni
cqua cciò ddufreggne auffa, una pe mmano.

 

Roma, 26 dicembre 1832 - Der medemo

 




1 Hai il mal umore?

2 Accorciativo di Olimpia.

3 Trova questo vocabolo per entro al Son…

4 A ufo, vedi il sonetto

5 Cioè moneta.

6 Tienci.

7 Avaro.

8 Formula di giuramento.

9 Farti.

10 Cessione.

11 Non pel senso qui peculiare, ma pel suggetto, vedi la nota… del sonetto

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License