Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

706. La messa der Papa

 

Tra le spalle d’un sguizzero1 e un curiale,
sibbè2 cc’avessi tutto er corpo pisto,
jeri, a Ssampietro, er gran Ponte-ficale,
pezzo , ppezzo , ttanto3 l’ho vvisto.

 

E vvedde4 quanno ar Papa un Cardinale,
cor una faccia da bbecco futtristo,5
salito soprar trono cor piviale,
je diede un bascio come Ggiuda a Ccristo.

 

Questo se chiama la pasce,6 Meco;7
ma ssi cche8 ppasce a li Papi viventi
diino sti rossi ccapillo un ceco.

 

Ché mmentre er Papa che li ccontenti
se spènzola pe ddijje er zuPasteco9
loro, in core, risponneno: «Accidenti».

 

Roma, 6 gennaio 1833 - Der medemo

 




1 Uno svizzero della guardia.

2 Sebbene.

3 Purtuttavia: ad ogni modo.

4 Vidi.

5 Allenimento di aggiunto ingiurioso.

6 Dar pace.

7 Accorciativo di Domenico.

8 Se che: quale.

9 Pax-tecum.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License