Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

716. Er duello de Dàvide

 

Cos’è er braccio de Ddio! mannà un fischietto1


contr’a cquer buggiarone de Golia,
che ssi n’avessi avuto fantasia,
lo poteva ammazzà ccor un fichetto!2

 

Eppuro, accusí è. Ddio bbenedetto
vorze mostrà ppe ttutta la Ggiudia3
che cchi è ddivoto de Ggesú e Mmaria
stà ccor un gigante appettappetto.

 

Ar véde4 un pastorello co la fionna,
strillò Ggolia sartanno in piede: «Oh ccazzo!
sta vorta, fijjo mio, l’hai fatta tonna».

 

Ma er fatto annò ccher povero regazzo,
grazzie all’anime sante e a la Madonna,
lo fesce cascà ggiú ccome un pupazzo.

 

Roma, 9 gennaio 1833 - Der medemo

 




1 Fanciullo.

2 Atto di scherno o di scherzo che si fa altrui stringendogli il mento col pollice e col medio, mentre l’indice gli preme il naso.

3 La Giudea.

4 Al vedere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License