Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

743. La madre der borzaroletto

 

Ih che ha rrubbato poi?! tre o cquattrombrelli,
cuarcorloggio, e cquer po’ de fazzoletti.
Pe cquesto s’ha dda ttutti sti ghetti1


com’avessi2 ammazzato er Reduscelli?!3

 

Bbe’, è lladro; ma li ladri, poveretti,
nun z’hanno da tiené ppiú ppe ffratelli?!
Si Cchecco è un lupo, indove l’aggnelli?
Nun c’è ch’er zolo Iddio senza difetti.

 

Tant’e ttanti, Eccellenza, a sto paese
arrubbeno pe ccento de mi’ fijjo,
e ssò strissciati,4 e jje se fa le spese!...

 

Io sempre je l’ho ddato sto conzijjo:
«Checco, arrubba un mijjone; e ppe le cchiese
sarai San Checco, e ttarzeranno un gijjo».

 

Roma, 14 gennaio 1833

 




1 Strepiti.

2 Avesse.

3 Re-duccelli.

4 Inchinàti con istrisciamento di piedi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License