Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

767. Er creditore strapazzato

Sonetti 2

 

Te ggiuro, Iggnazzio, ch’è ffaccenna seria
co sti duprelatacci de la bbua:1


è ccosa propio da sputà un’alteria2
pèsse3 pagati de la robba sua.

 

Oggniggiorno se trova sta miseria
che stanno in Coro a ccantà ttutt’e ddua:
Dommine mea melappia mea aperia
e ttòssa mea nun z’abbi in laude tua
!4

 

Li preti, dichi tu, ssò bburattini!
bburattini un cazzo, perché cquelli
nun rubbeno a ggnisuno li quadrini.

 

E cquesti hanno li cori e li sciarvelli5
pe ffà mmejjo la parte d’assassini,
e bbuggiarà li poveri fratelli.

 

Roma, 17 gennaio 1833

 




1 Del malanno.

2 Arteria.

3 Per essere.

4 Domine labia mea aperies, ecc.

5 Cervelli.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License