Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

21. Contro li giacobbini

 

Nun te pijjà ggatti a ppelà, Ggiuanni;
chi impiccia la matassa se la sbrojji:
stattene a ccasa co li tu malanni,
ché er monno tanto va, vvojji o nun vojji.

 

Io nun vorrìa sta un cazzo in de li panni
de sti sfrabbica Rome e Ccampidojji
ché er mettese1 a cozzà ccontro li bbanni2
è un mare-maggna3 tutto pien de scojji.

 

Sai quanto è mmejjo maggnà ppane e sputo,
che spone4 a rrepentajjo er gargarozzo5
pe ffà strozzate6 de baron fottuto?

 

lassa annà a l’ingiú llacqua in ner pozzo;
e hai da che Iddio t’ha bbenvorzuto
com’e cquarmente7 t’arimedia er tozzo.

 

19 febbraio 1830 - D’er medemo

 

 




1 Il mettersi.

2 Bandi.

3 Mare-magnum.

4 Che esporre.

5 La gargozza.

6 Mangiate.

7 Come e qualmente.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License