Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

802. Er Vescovo de grinza*

 

A un Vescovo, e, dde ppiú, ppredicatore,
che ppecca un po’ d’ussuria1 e un po’ de gola,1a
je mannò jjermatina un creditore
un curzoretto a ddijje una parola.

 

Figurateve er Zanto Monziggnore!
Cominciò a sfoderà dde cazzarola,2
eppoi, volenno3 convertí er curzore,
pijjò ppe ccroscifisso una pistola.

 

«Che mmaggnèra4 d’offenne5 er tribbunale»,
er curzore strillava, «e ppe vvennetta6
maneggià vvoi starmacce temporale?!».

 

E er Vescovo: «Te pijja7 una saetta,
l’ho ffatta diventà spirituale
perché in nome de Ddio l’ho bbenedetta».

 

Roma, 21 gennaio 1833

 




* Di grinza: valente.

1 Lussuria.

1a Monsignor Foscolo, arcivescovo di Corfù.

2 Cominciò a giurare con parole oscene.

3 Volendo.

4 Maniera.

5 Offendere.

6 Vendetta.

7 Che ti pigli.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License