Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

811. Er zanto pastorale

 

Perché er Vescovo porta er pastorale?
Pe mmostrà cche nnoi semo pecorone
da illuminasse1 a ffuria de bbastone
pe ccorpa2 der peccato origginale.

 

Chi mm’ha ddetto accusí nnun è un stivale,
e jje do cquarche ffilo de raggione;
perché, a striggne li panni,3 in concrusione
er torto è ssempre torto, o bbene, o mmale.

 

Ma pperché cquarche ppecora je scappa,
in cima ar pastorale scià4 un rampino
che llarriva in ner collo e lla riacchiappa:

 

e pijjannola5 doppo per cudino,6
je dducarci in culo, uno pe cchiappa,
che sse chiameno er resto der carlino.7

 

Roma, 22 gennaio 1833

 




1 Illuminarsi.

2 Colpa.

3 «Stringere i panni», cioè «alla fin de’ conti».

4 Ci ha.

5 Pigliandola.

6 Codino.

7 La giunta alla derrata. Il Carlino è oggi moneta convenzionale del valore di sette baiocchi e mezzo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License