Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

814. La scrupolosa

 

Inzomma, cazzo, se avé sto bbascio?
se ttastà un tantino er pettabbotto?1


Ma nnun avé ppavura, che ffo adascio:
cuanto che ssento2 che cce tienghi sotto.

 

Ciai3 scrupolo? e dde cosa? E cche! tte fotto?!
Semo parenti? , ppe vvia der cascio:
cuggini de cuggini: cascio cotto:4
parenti come Ggnacchera e ssan Biascio.

 

Parenti, ggià! cche scrupoli der tarlo!5
Per un bascio co mmé ttanta cusscenza,
eppoi te fai fischià6 ddar Padre Carlo.

 

Ma cche ccredi? che Cristo abbi pascenza
d’abbadà ssi tte bbascio, o ssi tte parlo?
A ste cojjonerie manco sce7 penza.

 

Roma, 22 gennaio 1833

 




1 Vedi la nota... del Sonetto

2 Solo ch’io senta, etc.

3 Ci hai.

4 Esser «cacio cotto» significa passare fra due persone lontanissima parentela.

5 Proverbio: «Il tarlo si mangiò l’ostia consacrata, ed ebbe poi scrupolo di rodere il ciborio».

6 Se sapeste qual brutto significato ha qui il «fischiare»!...

7 Ci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License