Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

823. La bbellona de Trestevere

 

Si ha ccacca?!1 lei? nun je se ddí ggnente,
nemmanco «che bbellocchi avete in fronte».
È ssuperbiosa come un accidente,
piú cche ssi ffussi de cristal de monte.

 

Gran brutto cco llei da protennente!2
lei nun ppe mmarito antro3 che un conte.
Penza mo ttu cche ppò sperà un minente4
che sta a ppescà cco la bbilancia a pponte.5

 

Oh, ppe bbellezza poi, propio è ssciarmante;6
e pponno appett’a llei dàsse7 pe vvinte
guasi staria pe ddí llanime sante.

 

Ché nnun è ccome ste facce dipinte
de Siggnore de grinza,8 che ssai cuante
porteno cul de stracci e zzinne finte.

 

Roma, 24 gennaio 1833

 




1 Vanità.

2 Pretendente.

3 Altro.

4 Minente, aferesi di eminente, è un trasteverino.

5 Sotto i ponti di Roma, eccettuato quello di Sant’Angiolo (l’Elio), sono stabilite delle reti cosi dette a bilancia, le quali in forma di un cono rovesciato, e attaccate alle due estremità di un palo bilicato e impernato per via di un asse nel mezzo, sono aggirate dall’acqua corrente, ed una sorgendo quando l’altra s’immerge, pescano.

6 Stupenda.

7 Darsi.

8 Di vaglia, distinte.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License