Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

824. Er calzolaro

 

Tajjo rancico?1 ebbè, ccome lei :
ma ppe la robba cosa sc’è da ?
Cuesta è ppelle d’Osanna.2 Come oibbò!
Vitellino d’Osanna, ggnora .

 

Vienghi ar lume, Madama, e gguardi cqui
si cche apparecchio, si cche bber ponzò;
e ho ttantonore de potejje
che ddrento Roma antro che io3 sce ll’ho.

 

Puzza?! oh Ggesú! lla vallonea se sa
c’ha cquer tanfetto: ma in duggiorni o ttre
come che4 ssente l’aria se ne va.

 

Care ste scarpe?! Ah, lo so io ch’edè:5
Madama nun ha vvojja de carzà.
Un scudo nun ze : ccosteno a mmé.

 

Roma, 24 gennaio 1833

 




1 Rancido: antico.

2 Losanna.

3 Altro che io: io solo.

4 Appena.

5 Cos’è.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License