Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

827. La Messa der Venardí Ssanto

 

C’averà ffatto Ggenova, ché er frate
tre vvorte, jjeri a mmessa, co cquer laggno
disse: «Affettamus Genova»;1 e ’r compaggno
tre antre vorte repricò: «Llevate»?

 

Ma sse ponno sentí ppiú bbuggiarate?
Cristo, si vvedo cuesta, io me li sfraggno!
E cche ssò2 le scittà, ttele de raggno,
paste frolle, miggnè,3 ffichi, patate?!

 

Affettà er monno a uso de salame!
Levallo, sant’iddio, come ar cammino
llevasse4 er cuperchio da un tigame!

 

Raschià Ggenova ccor temperino,
cuanno5 ar tempo che ccera er brigantame
nun zeppeno spianà mmanco Sonnino!6

 

Roma, 25 gennaio 1833

 




1 Flectamus genua.

2 Sono.

3 Bignè.

4 Levarsi.

5 Quando.

6 Mezzo acconcio ad estirpare i Masnadieri di Marittima e Campagna si era creduto e decretato la distruzione della Città di Sonnino, onde con una terra di meno crescesse un deserto di più.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License