Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

877. Er Carnovale der trentatré

 

Zitti: mmorí er diavolo! Er Governo
sce ne manna1 una bbona arfinamente.2
Eppoi dite ch’er Papa è un accidente,
un Neronaccio, un Zènica,3 un Liunferno.4

 

Ce saranno le mmaschere, uguarmente
che ssott’all’antri papi se vederno...5
Come?! ch’è stato?! oh ccorpo de l’inferno!
l’editto nun viè ppiú?! nnun c’é ppiú ggnente?!

 

Ah ggriscio,6 rafacano,7 pataccone!8
cuello ch’è oggi nun è ppiú ddomani!
Ah Ppapa de dufacce pasticcione!

 

Figurete a sta nova li Romani!
le bbiastime9 se spregheno. Uh bbastone,
che pperdi tempo immezzo de li cani!

 

Roma, 10 febbraio 1833

 




1 Ce ne manda.

2 Finalmente.

3 Seneca.

4 Oloferne.

5 Videro.

6 Nome che si agli orzaiuoli e a loro compatriotti.

7 Persona cavillosa e di gretto animo.

8 Goffaccio.

9 Bestemmie.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License