Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

902. La comprimentosa

 

Ihii, llassa a llei pe ccomprimenti.
E mmica te pasteggia o ttaripassa,1


sai? La su’ lingua è ccome una matassa,
che ttiri un capo e tte ne trovi venti.

 

Lei sputa cuello che jje viè a li denti.
Sei ’na saraca,2 e ddisce che ssei grassa:
nun hai ggnisuno ar monno, e tte sfracassa
co le grannezze de li tu’ parenti.

 

Piú de jjerzera3 a ccasa de Sciscijja?4
Ma ssenti, Madalena, a sta sciufeca5
si ppe llodà cche ffantasia je pijja!

 

C’era la sora Teca.6 «Ah ssora Teca»,
disce, «che ggran bell’occhi ha vvostra fijja!».
Oh ttu azzécchesce7 un po’: la fijja è cceca.

 

Roma, 15 febbraio 1833

 




1 Due verbi che signifìcano: «beffare con fine e velate maniere».

2 Salacca (pesce salato), per «persona adusta».

3 Iersera.

4 Cecilia.

5 Ridicola, sgarbata.

6 Tecla.

7 Indovinaci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License