Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

915. La regazza acciuffata1

 

Che ccos’ho, cche ccos’ho! Nun ve l’ho ddetto
millantre vorte ggià cche nun ho ggnente?
C’ho da ? Pe ddà ggusto ar zor gaudente,
m’ho da mett’a bballajje2 un minuetto?

 

Bbe’, ssi llei se la sona,3 io fo un balletto.
Ma ssò bbuffe l’idee c’hanno le ggente!
Cuanno che stanno loro alegramente
vonno c’oggnuno ridi4 a ssudispetto.

 

Io ve la canto un’antra vorta sola,
ch’io nun ho ggnente; e ssippuro l’avesse,5
nu ne direbbe a llei mezza parola.

 

Caso dunque lei tiè cquarchinterresse
da sbrigà cco la sora Luscïola,
vadi,6 ché ttanto noi semo l’istesse.

 

Roma, 18 febbraio 1833

 




1 La innamorata cipigliosa.

2 Ballargli.

3 Suonarsela: partire.

4 Rida.

5 Avessi.

6 Vada.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License