Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

916. Da la matina se conossce er bon giorno1

 

Nun è da ppe cquesto ch’io me stracchi:
no, er bene je lo vojjo, e Ddio sa cquanto.
Piú ppresto2 di’ cche ccasomai la pianto,
c’è er ber3 motivo suo c’arzo li tacchi.4

 

Nun m’è mmojje, e ggià ho ssempre spavuracchi,
che mme tocca de stà ccollojjo-santo
in zaccoccia.5 E ssi ttanto me ttanto,6
figuramose7 un giorno li pennacchi!8

 

Sei propio caro tu cco la tu’ fiacca:9
«Nun te mette ste purce in de l’orecchie».10
Cuesto, compare, nun è mmal da bbiacca.11

 

Cuanno che jje ne va,12 ggiovene o vecchie,
la fanno je cuscissi13 la patacca:
e ppe imbrojjatte14 poi, mmozzorecchie.15

 

Roma, 18 febbraio 1833

 




1 Proverbio.

2 Piuttosto.

3 Bel.

4 Alzare il tacco, o i tacchi: andarsene, evadere.

5 Stare coll’olio santo in sacconcia vale: «essere sempre in pericolo».

6 E con questa proporzione ecc.

7 Figuriamoci.

8 Corna.

9 Indifferenza.

10 Cioè: «non entrare in questi sospetti».

11 Non è piccolo male.

12 Quando ne hanno voglia.

13 Seppure tu cucissi loro ecc.

14 Imbrogliarti.

15 Artificiose. Un mozzorecchio è un «leguleio».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License