Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

25. Er pijjamento d’Argèri

(5 luglio 1830)

 

Quante sfrisielle a ttajjo e scappellotti!
Quante chicchere a coppia e sventoloni!1

Quant’acciacco de chiappe e de cojjoni!
Quant’infirze de schiaffi e de cazzotti!

 

Poveri Turchi, come aridotti
co cquellarifilate de gropponi!
Beato chi ppô avé ttra li carzoni
un fiasco d’ojjo e un bon caval che ttrotti!

 

Nun c’è da , ppe ssantAntonio abbate:
li Francesi ggente che, Mmadonna!,
bboni pe l’inverno e ppe l’istate.

 

E mmo mmetteno in cima a ’na colonna2
er Deo3 d’Argèri, che vva a ffasse4 frate,
o vviè a vvenne le pizze a la Ritonna.

 

20 luglio 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1 Colpi, busse, etc.

2 La colonna rostrale decretata a Tolone.

3 Dey.

4 Farsi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License