Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

959. Li prim’àbbiti

 

Avanti de maggnà llomo e la donna
de cuer frutto chiamato er ben’e ’r male,
l’un e llantro1 era iggnudo tal e cquale
com’e Ccristo legato a la colonna.

 

Ma appena che lo spirito infernale
je fesce la prima e la siconna,
loro2 subbito mésseno3 la fronna
indove noi mettemo l’urinale.

 

Duncue bbisoggna cche cquarche ccosa
c’ha er ben’e ’r male de corrisponnenza
l’abbi cor dumpennente e vvarpelosa.

 

Antrimenti ch’edera4 sta sscemenza5
d’annasse6 a vvergoggnà sposo co sposa?7
Nun 8 llistessi co la fronna o ssenza?

 

Roma, 13 maggio 1833

 




1 Altro.

2 Loro, per «eglino».

3 Misero, posero.

4 Che era?, ecc.

5 Stolidezza.

6 Andarsi.

7 Pron. colle o chiuse.

8 Sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License