Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1017. Er Curato

 

Ch’edè1 er Curato? È un pezzo de carnaccia
co nnove bbusci2 messi in zimmetria.
Li primi dua je serveno de spia
pe ssapé ddove ha da slongà lle bbraccia.

 

Dua piú ssotto, poi cquer che sse sia,3
che ttanto a ccasa tua lui sce li caccia.
Dua uperti a cchi jjempie la pilaccia,4
e un antro5 è ppe pportà la carestia.

 

L’ottavo, nero nero e ffonno fonno,
sta llí ammannito per rriempíggni tanto
de puzza-e-vvento e dde rimore6 er Monno.

 

E llurtim’è ppe ffà vviení le dojje,
sempre in vertú de lo Spiritossanto,
drento a la panza de le nostre mojje.

 

13 novembre 1833

 




1 Che è.

2 Buchi.

3 Puoi fare quel che si sia.

4 A chi gli empie la borsa.

5 Altro.

6 Romore.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License