Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1054. L’ammalato a la cassetta1

 

Oh gguarda cche ttirannia tiranna
de nun portamme2 er brodo a mmodo mio!
Io vojjo er brodo com’Iddio commanna,3
ché dder mi’ corpo 4 er padrone io.

 

Doppo tutto sto po’ dde bbuggerío5
de sta diarella6 de sscialapp’e mmanna,
vonno ruzzacce,7 corpo d’un giudio!,
cor8 un brodo ch’è llongo mezza canna.

 

Bbe’? mme la vôti, o nnò, la sputarola?...
Eh ttira un po’ ppiú in cquer capezzale...
Cazzo! t’ho ddetto una cuperta9 sola.

 

E mmó indove me ficchi l’urinale?
Ah! un’antra vorta ch’Iddio me conzola,10
bbuggiarà cchi nun more a lo spedale.

 

12 gennaio 1834

 




1 Al cesso.

2 Di non portarmi.

3 Come Iddio comanda: come dev’essere al suo punto, ecc.

4 Del mio corpo sono.

5 Di rovina.

6 Diarrea.

7 Vogliono ruzzarci, scherzarci.

8 Con.

9 Coperta, coltre.

10 Mi consola, ironia di affligge.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License