Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1087. L’età dell’omo

 

Sarà ppoi tutto vero, eh sor Giuvanni
quello che cciaricconteno1 li preti
c’un giorno li padriarchi e li profeti
sapeveno campà nnovescentanni?

 

Dunque, o allora nun c’ereno malanni,
o cqueli vecchi aveveno segreti
pe rrestà ssempre ggioveni. Ma cquieti,2
percoggi starte faría3 troppi danni.

 

Dàmme4 de fatti un fijjo a la ssediola5
de scinquantanni, e ppe ddí un tempo corto,
mànnelo6 de scentanni ancora a scòla;

 

va’ a sperà, cco stesempi, in ner conforto
che ccrepi un papa che tte pijja in gola,
va’ a ffà ddebbiti allora a-ttata-morto!7

 

14 marzo 1834

 




1 Ci raccontano.

2 Ma silenzio.

3 Farebbe.

4 Dammi.

5 Il comodo de’ fanciulli.

6 Mandalo.

7 Si costuma da figli viziosi di contrarre dei debiti da soddisfarsi alla morte de’ padri: ciò dicesi «far debiti a-tata-morto».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License