Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1115. Li bbeccamorti

 

E ccaffari vòi ? ggnisuno more:
sto po’ d’aria cattiva è ggià ffinita:
tutti attaccati a sta mazzata vita...
Oh vva’ a ffà er beccamorto con amore!

 

Povera cortra1 mia! sta llí ammuffita.
E ssi2 vva de sto passo, e cqua er Ziggnore
nun allúmina un po’ cquarche ddottore,
la profession der beccamorto è ita.

 

L’annata bbona fu in ner disciassette.3
Allora , in sta piazza, era un ber vive,4
ché li morti fioccaveno a ccarrette.

 

Bbasta...; chi ssa! Mmatteo disse jjerzera
c’un beccamorto amico suo je5 scrive
che cc’è cquarche speranza in sto Collèra.

 

18 marzo 1834

 




1 Coltre.

2 E se.

3 Nel 1817, anno del tifo petecchiale.

4 Era un bel vivere.

5 Gli.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License