Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1117. Li muratori

 

Vedi quann1 er demonio nun ha ggnente
da penzà a ccasa sua, si cche2 ffervori
pe rruvinà nnoantri3 muratori
fa vviení ne la testa de la ggente!

 

S’ha da inventà un Oremus propiamente
per terremoto! ch’è un po’ de vapori
che sse4 vònno strada pe usscì ffori,
cosa siggnoriddio tant’innoscente!

 

E ccome fussi5 poco, s’ha da mette6
sti filacci de ferro in oggnartura,7
pe rroppe li cojjoni8 a le saette!

 

Cristo! lo capirebbe una cratura:9
co tutte stinvenzione mmaledette
nun ze10 chiama un peccà ccontro natura?

 

19 marzo 1834

 




1 Quando.

2 Se quali.

3 Noi altri.

4 Che si.

5 Fosse.

6 Da mettere.

7 Ogni altura.

8 Per rompere i coglioni alle, ecc.: per infastidire le, ecc.

9 Creatura.

10 Non si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License