Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1160. La donna fregàle1

 

Io la matina stò ssempre a ddiggiuna:
sortanto pijjo ammalappena usscita
un par de bicchierini d’acquavita
accant’a l’Ostaria de la Furtuna.

 

Oh, ar piú, ssi2 all’ostaria sc’è cquarchiduna
oppuro quarchiduno che mminvita,
entro, e ppe nnun sgradí3 bbevo dudita;
ma cch’io maggni, ah, nnu lo ddí ggnisuna.

 

Me predicava sempre mamma mia
che cquer cibbo ccusí a stommico vòto
ffà vviení una bbona ammalatia.

 

Oh a ppranzo , er mi’ piatto me lo voto
che cce pare passata la lesscía:4
a ppranzo davero un terremoto.

 

5 aprile 1834

 




1 Frugale.

2 Se.

3 Disgradire.

4 Liscìa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License