Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1179. La ggiustizzia ingiusta

 

Nonziggnora: sta vorta,1 sora Nina,2
fate quivico3 voi. Sentite er fatto,
e vvederete poi ch’è un cazzo-matto
che mmerita d’annà a la Palazzina.4

 

La cosa sta accusí: jjer’a mmatina
monziggnore me fesce ammazzà er gatto,
perch’era ladro, e annava quatto quatto
a rrubbajje la carne de cuscina.

 

Nu lo sapeva lui ch’er gatto mio
pativa de quer debbole, com’hanno
tutti li gatti c’ha ccreatIddio?

 

Mentre de ladri cqua cce n’è un riduno5
che rrubbeno quadrini tutto l’anno,
e nnun je disce mai ggnente ggnisuno.

 

8 aprile 1834

 




1 Questa volta.

2 Signora Caterina.

3 Equivoco.

4 Lo spedale, o, meglio, la carcere de’ pazzi.

5 Radunamento.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License