Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1245. Er zervitor de Conzurta1

 

Voi, sor abbate,2 sti duscento scudi
l’avete da caccià ccome un ziggnore.
Chi vve scià3 ffatto ggovernatore
senza manco la fede4 de li studi?

 

Nun fui io ch’inventai a Mmonziggnore5
c’avévio6 mojje e cquattro fijji iggnudi?
Io bbisoggna er campà cche mme lo sudi
io povero cristian de servitore.

 

A mmé er padrone nun me ssalario;
e li rigali de le grazzie poi
l’ho ppuro7 da spartí ccor zegretario.8

 

Voi che ddiscévio?9 «A ccose terminate
Duscento piastre, Checco,10 11 pper voi».
La nomina sta cqui? ddunque pagate.

 

26 aprile 1834

 




1 La Consulta è il supremo Tribunal Criminale dello Stato, e il dicastero di giurisdizione sopra i governi delle terre: questa seconda ingerenza è stata oggi modificata da uno de’ soliti moti-proprii del Papa. Il Sagro Tribunale si compone di... prelati votanti.

2 Abate non si dice soltanto a chi lo è, ma serve anche d’ironia con chi non lo è.

3 Chi vi ci ha. ecc.

4 Il certificato, la pagella. ecc.

5 Monsignor Segretario di Consulta, posto che prossimo adito al conseguimento della porpora cardinalizia.

6 Che avevate.

7 Pure.

8 Il segretario di Monsignor Segretario.

9 Dicevate.

10 Francesco.

11 Sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License