Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1293. La luna

 

O ne sa ppoco er zor dottor Gioconno,
o a nnoantri1 sce tiè2 ppe ttanti micchi.3
Ggià, sti dottori che sse fanno4 ricchi
nun ce n’è uno mai propio de fonno.

 

La luna popolata com’er Monno!
Chi ccià da èsse,5 er boia che l’impicchi,
drent’in un grobbo che un po’ è ffatto a spicchi,
un po’ sparissce, e un po’6 ddiventa tonno?

 

Eh ssí ccher Papa sarebbe cojjone,
caso llassú cche cciabbitassi ggente,7
de nun spidicce8 un Vescovo in pallone.

 

Lui sce lo mannerebbe a spass’a spasso,
quann’anche nun fussantro,9 solamente
pe le liscenze de maggnà de grasso.

 

11 giugno 1834

 




1 A noi altri.

2 Ci tiene.

3 Stolidi.

4 Si fanno, diventano.

5 Ci ha da essere.

6 Un po’: talvolta.

7 Nel caso che lassù abitasse gente.

8 Di non ispedirci.

9 Non fosse altro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License