Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

195. E ddoppo, chi ss’è vvisto s’è vvisto

 

Come sò st’omminacci, Aghita, eh?
Pareno cose de potesse dí?
Sin che nun te lo fai mettelo ccqui,
sò tutti core e ffedigo1 pe tté.

 

Ma una vorta che jj’hai detto de sí,
appena che jj’hai mostro si cc’or’è,
bbada, Aghituccia, e ffidete de mé
che te sfotteno er cane2 llí per lí.

 

Ecchete la mi’ fine co Cciosciò:
viè: ppare un santo, un fiore de vertú:
io me calo le bbraghe3 e jje la do.

 

Ce sei ppiú stata da quer giorno tu?
Accusí llui: da sí che4 mme sfassciò,
Ggesú Ggesú nnun z’è vveduto ppiú!

 

Terni, 9 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Fegato.

2 Ti abbandonano. Frase presa dal volgare de’ militari francesi: foutre le camp.

3 Calarsi le braghe: cedere.

4 Da quando.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License