Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

CCEO

IntraText CT - Lettura del testo

  • TITOLO XXVIII LA PROCEDURA NELL’INFLIGGERE LE PENE
    • Capitolo II IMPOSIZIONE DELLE PENE MEDIANTE DECRETO EXTRAGIUDIZIALE
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

Capitolo II

IMPOSIZIONE DELLE PENE
MEDIANTE DECRETO EXTRAGIUDIZIALE

Can. 1486

(CIC83, C.1720 §1) §1. Per la validità del decreto con cui è inflitta una pena si richiede che:

l’imputato sia informato dell’accusa e delle prove dandogli l’opportunità di esercitare pienamente la sua difesa, a meno che, citato a norma di diritto, abbia trascurato di presentarsi;

la discussione orale tra il Gerarca o il suo delegato e l’imputato si faccia alla presenza del promotore di giustizia e del notaio;

nel decreto si esponga su quali ragioni in fatto e in diritto è fondata la punizione.

§2. Le pene però di cui nel can. 1426, §1 possono essere imposte senza questa procedura, purché consti per iscritto della loro accettazione da parte del reo.

Can. 1487

§1. Il ricorso contro il decreto con cui è inflitta una pena, può essere interposto alla superiore autorità competente entro dieci giorni utili, dopo che è stato intimato.

§2. Questo ricorso sospende l’efficacia del decreto.

§3. Contro la decisione della superiore autorità non si un ulteriore ricorso.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License