Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
P. Antonio Maria Tannoia
Della Vita ed Istituto del venerabile servo di Dio Alfonso M. Liguori...

IntraText CT - Lettura del testo

  • LIBRO II
    • Cap. 46 Richiesta fatta ad Alfonso dalla Congregazione di Propaganda per le Missioni dell'Asia; fondazione in Sicilia; e riforma intrapresa nel Real Orfanatrofio di Gaeta
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 286 -


Cap. 46

Richiesta fatta ad Alfonso dalla Congregazione di Propaganda per le Missioni dell'Asia; fondazione in Sicilia; e riforma intrapresa nel Real Orfanatrofio di Gaeta

 


- 286 -


L'anno cinquattottesimo di questo secolo fu per Alfonso una catena di non ordinarie consolazioni.

Varj Popolo nell'Asia di Setta Nesteriana, avendo aperti gli occhi alla verità, esposero al S. Padre Clemente XIII 


- 287 -


, volersi unire alla Chiesa Romana, ed essere istruiti nella Fede Cattolica.

Persuasi gli Eminentiss. Porporati di Propaganda dello zelo di Alfonso, e de' valenti Missionarj, che aveva, li fecero presente questo bisogno, e lo richiesero de' suoi Alunni.

Se ne compiacque Alfonso; ed in data de' I8 Luglio del medesimo anno, così scrisse a tutte le Case:

"Ecco già aperto, PP. e Fratelli in Gesù Cristo, un vasto campo, ove la messe si fa vedere già pronta, e non aspetta che zelanti Operarj per esser recisa. Io vi presento quella povera gente da una parte cogli occhi bagnati di lagrime in atto supplichevole alzar le voci al Celeste Padrone, che si degni mandarceli, e dall'altra colle braccia aperte verso le RR. VV. che vi pregano sgombrarli da quella ignoranza, in cui con perdita tanto considerabile vivono da più di mille, e trecento anni.

Non vogliono ricorrere a' loro Maestri per timor di restar ingannati, ma si portano alle RR. VV., che considerano veri Ministri della Divina Sapienza. Vi cercano sol quanto gli basta per ricoverarsi nel seno della S. Chiesa. Cose che agli altri con tant'abbondanza donate, e di cui essi vivono in una estrema penuria.
Vi supplicano non istimar meno le Anime loro di quelle de' nostri, giacchè il Creatore è stato lo stesso, la sostanza è la medesima, e non men noi ch'essi debbon aver parte nel Sangue di Gesù Cristo; anzichè una certa specie di giustizia deve spignerci a portar a quei Paesi la luce della verità, poichè di a noi venne. Se vi spaventa il viaggio, vi promettono un amorosa accoglienza: se vi atterriscono gl'incomodi, v'assicurano d'una doviziosa raccolta: se vi sgomentano gli stenti, v'accertano una eterna ricompensa; e perchè PP. e FF. miei non soccorrergli?
Son certo che più d'uno mi esporrà i suoi desiderj, per non farsi cader quella corona, che il Signore li mette nelle mani, e di cui desidero veder tutti fregiati nella Patria Celeste ecc.

 

Fu questa tal richiesta di consolazione non solo ad Alfonso, ma sì bene a tutti li Congregati. In sentirsi per le Case un tale desiderio de' poveri Nestoriani, e la premura, che dimostravano de' Nostri gli Eminentiss. di Propaganda, non vi fu soggetto, che non si offerì a partire, e di voler dare la vita per Gesù Cristo.
Oltre tanti altri Sacerdoti, si esibì con particolar voto il P. D. Carmine Fiocchi uno de' nostri più insigni Operarj, già morto in odore di santità. I giovani anch'essi in numero di trenta, e più fecero eco ai Padri, dichiarandosi pronti ognuno a voler partire; anzi tanti, rigarono le lettere col proprio sangue.

 

Sommo fu il compiacimento di Alfonso, vedendo tanto zelo, specialmente ne' giovani. Volendo sperimentare la costanza, e frenare con prudenza un tanto fervore, così rescrisse ai medesimi nel giorno decimosettimo di Luglio: Fratelli miei, mi son consolato nel ricevere


- 288 -


le vostre lettere, e non pensate, che io finga. Io ho tutto il desiderio di veder andare più giovani de' nostri agl'Infedeli, e dar la vita per Gesù Cristo; ma bisogna, che mi assicuri dello spirito, e della perseveranza di ciascuno.

Perciò vi prego attendere allo studio (perchè si hanno da terminare gli studj), mentre prima di andare, dovete essere esaminati in Roma. Ma prima di tutto vi prego di unirvi con Gesù Cristo. Chi non va agl'Infedeli ben provveduto di amore a Gesù Cristo, e di desiderio di patire, sta in pericolo di perdere l'Anima, e la Fede. Chi poi persevera in questo desiderio, è di bene, che ogni tanto, cioè ogni nove, o dieci mesi mi rinnovi la richiesta.

Frattanto stringetevi con Gesù Cristo, e pregatelo ogni giorno, che vi faccia degni di questa grazia. Così Alfonso ai nostri Giovani studenti. Come, e perchè poi non fu effettuata questa tale spedizione, non mi è noto.

 

Occasione diede ad Alfonso questo fervore de' Giovani per insinuare, particolarmente a Padri anziani, maggior fervore nell'osservanza, e per riscuotere più esattezza nel ubbidire.

 "Raccomando Padri miei, così scrisse per le case, specialmente a voi la santa ubbidienza, non tanto a me, quanto a Superiori locali, e delle Missioni. Si tratta, che ora i Superiori hanno da ripetere mille volte una cosa, per esser ubbiditi; e poi alcuni ancora, son tante le scuse, e le repliche, che portano, che finalmente i Superiori sono obbligati per non disturbarli, ad esimerli dall'ubbidienza.
Raccomando dunque soprattutto a Padri di obbedire specialmente nelle Missioni a qualunque soggetto, che sta in luogo di Superiore. Al presente abbiamo tanti Giovani di gran talento e spirito, che possono fare una gran riuscita.
Saranno da venticinque, che mi hanno dimandato di andare agli infedeli, ma di cuore, e con un fervoregrande, che mi ha consolato. Ma se questi uscendo poi ad operare seguiranno a vedere le repliche, le scuse, le ripugnanze de' vecchi all'ubbidienza de' Superiori, anch'essi faranno lo stesso, e così come potrà più avanti la Congregazione?

Non era mai soddisfatto Alfonso, e ricercava sempre maggior perfezione come quei creditori esatti, che esigono, e ripetono sempre più da debitori. Questa virtù dell'ubbidienza eragli estremamente a cuore; ma benchè fiorisse tra Congregati, e si adorassero i cenni de' Superiori, egli replicava sempre lo stesso, per non vederla decaduta, e per vederla maggiormente perfezionata.

 

L'anno susseguente non fu per Alfonso di minor consolazione. Monsig. Lucchese Vescovo di Girgenti in Sicilia, preintendendo in gran bene, che l'Opera di Alfonso promuoveva ne' Popoli, li fe richiesta de' suoi Missionarj.

Siamo tenuti per tal richiesta alla furberia di un Galantuomo Napoletano


- 289 -


. Questi facendo abuso del venerato Alfonso, scrisse in nome di lui a molti Vescovi di Sicilia, ed anche in altri luoghi, chiedendo sussidio per le opere di pietà, che aveva per le mani. Tutti per la somma stima, in che si aveva Alfonso, li corrisposero con grosse somme di danaro.

Ancorchè sollecito fosse il buon Galantuomo in prendere le lettere alla Posta, una volta però (e disposelo la Provvidenza) fu prevenuto dal nostro Fratello Francesco Tartaglione, che assisteva in Napoli al disbrigo de' comuni affari. Apre Alfonso la lettera in Nocera; e ritrova con istupore, che Monsig. Lucchese incaricato aveva il suo Agente, per somministrargli docati venti. Ringraziò Alfonso Monsig. Lucchese della cortese esibizione, e fecelo carico che non esso, ma un qualche marioncello avevalo cercato in suo nome. Più cortese li rispose Monsignore: volle, che ricevuto si avesse il contante, ed impiegato a sua disposizione.

 

Tempo innanzi Monsig. Lucchese, essendo Vicario delle Monache in Palermo, aveva avuta notizia da Monsig. Martinez, Vicario di Monsig. Cusani, e di poi Vescovo di Avellino, della nuova Congregazione fondata da Alfonso. Eletto Vescovo di Girgenti, e passando per Napoli lo volle conoscere. Si compiacque dell'Opera, e se restò invogliato, per averla in Diocesi, attraversandosi alcuni intrighi, nol pose in effetto.

Rinnovata la memoria con questo incidente, non solo offerì ad Alfonso una rendita conveniente, ma anche un Collegio bello, e fatto. Non fu alieno Alfonso dal compiacerlo; ed essendosi convenuto per la sussistenza de' Missionarj, sospese l'esecuzione per aversi il contesto anche dal Principe.

 

Un'opera segnalata per mezzo de' suoi, tra questo tempo, anche s'intraprese da Alfonso.

Nella Città di Gaeta vedevasi ridotto in uno stato assai miserabile il Reale Conservatorio delle figlie esposte, dipendente da quello dell'Annunziata di Napoli, e col temporale ci andava di sotto anche l'eterno. Le figlie così mal guidate non erano meno di quattrocento. Affidandosi le piccinine alla cura delle grandi, ognuna di queste, chiamata maestra, avevane sotto di se le dieci, e dodeci.
Benchè veniva somministrato da Napoli e vitto, le Maestre, o per dir meglio, le tante tigri, così chiamate, ritenevano tutto per se, e non somministravano a quelle poverine, che troppo scarso un tozzo di pane. Così approfittavansi del vestito. Vedevansi le figlie talmente nude, e cenciose, che ci pativa estremamente la pudicizia; ma così cariche  di animaletti, e di croste sulla testa, che guardar non si potevano senza che lo stomaco non si sconvolgesse. Non vi erano letti; ed il riposo di ognuna non era, che un poco di paglia sul pavimento, ma infracidita, e puzzolente.

Col corpo ci pativa anche l'anima. Mancavano li primi


- 290 -


rudimenti cristiani: idea di onestà non vedevasi tra tutte; ed essendo il luogo aperto ad ognuno, non vi era rossore, vergogna. Le parolacce erano comuni; vi regnavano le bestemmie; sapevasi, anche dalle più vecchie, cosa fosse confessione.
Tutto era miseria, e peccato. In buon senso il pio luogo, se era un porcile per il corpo, era un inferno per le anime.

Più volte eransi impiegati per darvi del riparo, ma inutilmente, varj zelanti Operari. Vedendo disperato il caso il Presidente d'Anna, e l'Avvocato Mirra, ne resero informato il Re Carlo. Restò commosso il savio Principe in vista di un tanto male. Ben sapendo il zelo di Alfonso, ed il fare de' suoi Missionarj, volle che Alfonso se ne incaricasse, e che disponesse con tutta autorità a suo arbitrio il bisognevole. Anche Alfonso pianse in sentirne lo stato. Abbracciò l'opera; e fatto il piano, destinò in Gaeta li soggetti più ragguardevoli in santità, e prudenza, cioè i PP. Mazzini, Fiocchi, e Gaiano.

Si diede riparo, per prima, all'onestà delle figliuole, vestendole da capo a piede. Si pulirono dalle scabie, e da altre lordure, e si ebbero da Napoli pagliacci, e lettiere per farle riposare. Porte, e finestre, che pregiudicar poteano l'onestà, si chiusero, ed altre se ne aprirono giusta il bisogno; si stentò poco per igravar il pio luogo dalle tante immondezze.

Scabrosa fu l'opera, e più scabrosa, perchè l'anziane prevedendo il proprio discapito, apprender fecero i Missionarj alle figliuole altrettanti tiranni. Come si risolvette somministrarsi il vitto a tutte in comune, e stabilirvi il Refettorio, con togliersi alle Maestre il dipartimento de' cibarj, vi fu rivolta tra tutte. Le anziane, perchè perdevano li giornalieri provecci, e le figliuole non capendone il vantaggio; Non vogliamo il calderone, gridavano tutte da disperate. Mutarono bensì linguaggio, vedendosi i Padri far da cuochi, e da serventi a tavola, ed esse ben trattate, e con vitto sovrabbondante.

Si diede forma al pio luogo di regolato Conservatorio. Due volte il giorno si fissò in comune l'Orazione mentale, la visita al Sacramento, ed il Rosario a Maria Santissima, e si fece l'orario giornaliero così per il lavoro, che per gli Esercizj di pietà. Anche le più vecchie si dovettero istruire Misteri più necessarj.

Essendosi dati gli Santi Esercizj, sgravò ognuna la propria coscienza, e si stabilirono per ogni anno. Varj cordati Sacerdoti si destinarono per assisterci giornalmente, e per dare al pio luogo un sesto costante, si fecero venire dal Conservatorio di S. Vincenzo di Napoli, quattro di quelle savie donne, per regolare le figliuole nello spirito, e nella fatica.

Non fu questo un giuoco di mesi, ma di anni; ed Alfonso far dovea ritornare i suoi, e trattenervicisi i cinque, e sei mesi per volta.


- 291 -


Il pio luogo da inferno, che era, addivenne un patente paradiso. Tra poco tempo vi si viddero anime di orazione, e di special mortificazione: prese piede il silenzio, e il raccoglimento: frequentata la santa Comunione; e poste in pratica tra quelle Vergini, con consolazione di Alfonso, e soddisfazione somma del Re Carlo le virtù Cristiane.

 

Non è che questa sia la sola opera, che Alfonso intraprese, o per se, o per mezzo de' suoi; ve ne sono molte, e segnalate. Comunità di Religiosi si viddero riformate, e Monasteri di Monache, o Conservatorj santificati. Molti Seminarj, che vedevansi dissipati, rifiorir si viddero nello spirito, e nelle lettere. Così centinaja di Popolazioni pacificate tra di se, o con i proprj Baroni.

Avendo io di mira la brevità, tralascio queste opere per dar luogo a chi farà per impinguare maggiormente la storia della di lui vita.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) Copyright 1996-2007 Èulogos SpA