Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Michelangelo Buonarroti il Vecchio
Rime

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

134

- Beati voi che su nel ciel godete
le lacrime che 'l mondo non ristora,
favvi amor forza ancora,
o pur per morte liberi ne siete?
- La nostra etterna quiete,
fuor d'ogni tempo, è priva
d'invidia, amando, e d'angosciosi pianti.
- Dunche a mal pro' ch'i' viva
convien, come vedete,
per amare e servire in dolor tanti.
Se 'l cielo è degli amanti
amico, e 'l mondo ingrato,
amando, a che son nato?
A viver molto? E questo mi spaventa:
ché 'l poco è troppo a chi ben serve e stenta.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License