Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Regole S. d. C. - 1905
Lettura del testo

REGOLE DEI SERVI DELLA CARITÀ (1905)

Parte I CARATTERE DELL'ISTITUTO

Capo II. DEI MEMBRI DELL'ISTITUTO

«»

- 1111 -

Capo II.

DEI MEMBRI DELL'ISTITUTO

 

I membri dell'istituto sono: 1) sacerdoti, ai quali incombono i doveri del proprio ministero e le mansioni speciali di direzione dell'istituto;

2) uomini laici, ai quali incombono sovrattutto le occupazioni manuali.

3) [7]I sacerdoti sono primi per ordine di dignità e sono primi nelle direzioni.

Fra essi però hanno distinzione di grado e di giurisdizione.

Si distinguono con affetto di venerazione i superiori in età ed in merito di professione religiosa.

4) La seconda classe è degli ascritti laici; questi sotto la dipendenza dei sacerdoti hanno pure dei posti di direzione nelle varie mansioni loro.

Hanno gradazioni di autorità e speciali considerazioni in ordine all'età e ai servigi prestati nello istituto.

Ambedue le classi dei membri accennati

1) sono veramente figli dell'istituto e ne godono ugualmente il merito dei voti religiosi;

2) partecipano egualmente ai vantaggi sia spirituali che corporali dell'istituto stesso.

3) Talora fra i ricoverati, sacerdoti o laici, sono uomini di pietà e benemeriti insieme dello istituto, i quali bramano di partecipare in qualche modo almeno ai benefici spirituali e temporali insieme della istituzione. Questi possono far parte ad una terza classe di membri, che non sono religiosiappartenenti ad un terz'ordine,[8] ma sono semplicemente partecipanti e si hanno nello istituto in qualità di protettori, di benevoli e di protetti.

4) Il numero di cotali partecipanti non deve eccedere la discrezione e se ne possono ascrivere anche fra i benefattori esterni alle case dello istituto.


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma