Luigi Guanella: Opere edite e inedite
Luigi Guanella
Cento lodi in ossequio...
Lettura del testo

CENTO LODI IN OSSEQUIO AL IV CENTENARIO DAL TRANSITO DEL BEATO ANDREA DA PESCHIERA APOSTOLO DELLA VALTELLINA

LXIII. Industrie pie

«»

- 554 -

LXIII.

Industrie pie

  Altro mezzo di salvar le anime venivagli spontaneo alla mente del nostro apostolo Andrea. Egli ponevasi a discorrere ingenuamente così: "Son pellegrino... La mia patria è Peschiera... Or son tra voi... percuotetemi [143]ed io bacierò le vostre destre... Il cielo mi ha mandato... io non vo' lasciarvi...

Il paradiso eccovelo dinanzi omai... Fatichiamo di lena... La mia salute eterna è legata alla vostra salute eterna". Con questo discorso Andrea si faceva innanzi ai grandi ed ai piccoli e con esso guadagnava i cuori. Il nostro apostolo e padre godeva di essere tenuto a vile e quando veniva coperto di maltrattamenti rispondeva: "Non mi duole per me che sono come un fango vile, ma mi rincresce per le anime vostre.

Nondimeno, suvvia, stringiamo le destre, leviamo gli occhi al cielo e domandiamo: Padre eterno Iddio, ci perdonate voi… Noi ci perdoneremo di cuore i falli reciproci". Una voce nell'interno di Andrea e de' suoi uditori facevasi intendere chiara come una voce di paradiso che consola dicendo: "Dio vi perdona! Iddio vi perdona!". Questa voce di ineffabile dolcezza avvalorava i timidi, commuoveva i [144]restii. La carità dei santi oh come è industriosa!


«»

IntraText® (VA2) Copyright 1996-2016 EuloTech SRL
Copyright 2015 Nuove Frontiere Editrice - Vicolo Clementi 41 - 00148 Roma