Carlo Goldoni
La gelosia di Lindoro

ATTO TERZO

Scena Quindicesima. Don Flaminio e Zelinda

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quindicesima. Don Flaminio e Zelinda

 

ZEL. (da sé) (Son contenta. Ho fatto il colpo. Son fortunata.)

FLA. Ah! voi mi avete assassinato, m'avete tradito, m'avete precipitato.

ZEL. Io tradirvi? Io assassinarvi? Voi non mi conoscete e però parlate così. Sì, si è veduta la lettera che avete scritta in francese. Una parola ch'io avessi detta, voi eravate precipitato; ed ho sofferto di essere maltrattata per non iscoprirvi, per non esporvi all'ira di vostro padre; e per salvare me stessa non ho altro mezzo che pubblicare la vostra debolezza, l'attacco vostro per la Virtuosa.

FLA. Ah! Zelinda, vi chiedo scusa, compatitemi per carità. Vi ringrazio di tutto quello che avete fatto per me, non vi stancate d'essermi favorevole. Non m'abbandonate, vi supplico, non m'abbandonate.

ZEL. Credete voi ch'io voglia seguitare ad esservi amica, per farvi condurre a fine il disegno vostro colla signora Barbara?

FLA. È tanto amabile, e l'amo tanto...

ZEL. Sì, è vero, ella è amabile, ma ha più giudizio di voi. Profittate de' suoi sentimenti, e fate il vostro dovere.

FLA. Se mi fosse possibile, lo farei.

ZEL. Bene dunque, senza nessuno scrupolo ne parlerò al signor Don Roberto.

FLA. No, vi supplico per amor del cielo.

ZEL. Promettetemi d'abbandonare la cantatrice, se non volete ch'io parli.

FLA. E dovrò sacrificarmi a sposare una vedova ch'io detesto?

ZEL. Io non vi dico che sposiate la vedova, mi basta che non sposiate la cantatrice.

FLA. Se voi avete della bontà per me...

ZEL. O datemi questa parola, o vado subito da vostro padre. (in atto di partire)

FLA. Non so che dire. Voi mi prendete in un punto...

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License