Castigo
    Cap.
1 III| Luigi — lei stessa, lady Hermione Darlington, Hermione duchessa 2 III| lady Hermione Darlington, Hermione duchessa di Cleveland...~ ~— 3 III| di Luigi.~ ~— È sparita, Hermionedisse, sottovoce, Pietro 4 III| udì. L’equipaggio di lady Hermione spuntò, da una strada laterale. 5 IV| duchessa di Cleveland.~ ~Lady Hermione era vestita di velo di lana, 6 IV| sottili orecchie di lady Hermione: e il cappellino di stoffa 7 IV| era andato incontro a lady Hermione e le aveva baciata la mano 8 IV| passi di distanza, lady Hermione che andava lievemente, quasi 9 IV| dite che ora è — disse lady Hermione, interrompendolo subito. — 10 IV| anni?~ ~— Oh sì! — disse Hermione con una intonazione più 11 IV| tanto... — soggiunse lady Hermione, spalancando i grandi occhi 12 IV| Quando? Quando?~ ~Lady Hermione ebbe un gesto vago, per 13 IV| Io non lo sodisse lady Hermione, con l’ombra di un sorriso, 14 IV| che apparisce qui lady Hermione?~ ~— Il primo.~ ~— Non è 15 IV| delle fini simpatie. Lady Hermione era seduta sovra un banco, 16 IV| si fu avvicinato a lady Hermione e a Giovanni Firidolfi, 17 IV| accostandosi, udendo i discorsi fra Hermione e Giovanni, in cui aveva 18 IV| amore, finivano per amarsi, Hermione e Giovanni parlavano di 19 IV| sonno. Questo dicevano, Hermione e Giovanni, gravemente, 20 IV| una cosa lugubredisse Hermione vagamente.~ ~— Ve ne prego, 21 IV| tomba, vedrete!~ ~— Oh lady Hermione, io sono debole e vile come 22 IV| andate all’Orfeo?~ ~— No — Hermione rispose, senz’esitare.~ ~— 23 IV| velenoso, badatedisse Hermione. — Addio, portatemi dei 24 IV| rispose seriamente.~ ~ ~ ~Lady Hermione stava ritta presso l’alto 25 IV| appoggiata ai vecchi fogli, lady Hermione leggeva.~ ~Hermione era 26 IV| lady Hermione leggeva.~ ~Hermione era vestita di un abito 27 IV| fulgida di gioie di lady Hermione sfiorava questi fiori, distrattamente; 28 IV| mai troppo presto, lady Hermione: non vi è mai sufficiente 29 IV| restanosoggiunse lady Hermione.~ ~— Per sempre, lady 30 IV| conoscevate. Cercate...~ ~Ed Hermione indicò vagamente, con la 31 IV| non vi ascolterei...~ ~— Hermione!~ ~— Non mi chiamate così — 32 IV| Confessate la veritàHermione insistette, più vicina a 33 IV| seggiolone, poco discosto. Hermione aveva preso, dal grande 34 IV| schiude per parlare, lady Hermione, io muoio di terrore.~ ~— 35 IV| dicendo queste cose, ed Hermione doveva vedergli negli occhi 36 IV| che niuna donna ignora. Hermione distolse i suoi occhi: e 37 IV| minuto soltanto. Sottovoce, Hermione gli disse:~ ~— Io conosco 38 IV| me, forse.~ ~— Per voi, Hermione.~ ~— Non questo nome —- 39 IV| Si levò e la raggiunse. Hermione aveva le due braccia abbandonate 40 IV| è l’ora delle visioni, — Hermione mormorò — è la vita, infine, 41 IV| Chi non ama più, lady Hermione.~ ~— Cioè?~ ~— L’interessante, 42 IV| Luigi sfiorava quello di Hermione: e la notte era inebbriante 43 IV| ma non so se posso — ed Hermione guardava il cielo già tutto 44 IV| non posso.~ ~— Tentate, Hermione, tentate.~ ~— Non posso, 45 IV| palpitanti stelle... venite, Hermione, laggiù, con me...~ ~— Ma 46 IV| latteo chiarore la piazza. Hermione non rispondeva più, ma lo 47 VI| semplicemente quella di Hermione Darlington, duchessa di 48 VI| principessa di Corese e lady Hermione, duchessa di Cleveland. 49 VI| udisse la musica.~ ~Lady Hermione era anche vestita di nero, 50 VI| ventaglio di piume nere. Lady Hermione era pallida quella sera; 51 VI| carattere. Neppure lady Hermione guardava il palcoscenico 52 VI| gli occhi sbarrati su lady Hermione. Cesare seguì lo sguardo 53 VI| compagna e vide anche lui Hermione, vestita di nero con le 54 VI| allucinazione del bruno viso di lady Hermione. E Cesare leggeva, nella 55 VI| fatalità, guardavano lady Hermione fissamente, intensamente, 56 VI| Finalmente, dunque, lady Hermione li guardò: e come l’ombra 57 VI| Questo è un idillio. Lady Hermione restava immobile, in un 58 VI| disse nulla. Guardava lady Hermione, che giocherellava adesso 59 VI| non vi riuscì. Del resto, Hermione non parlava con quel signore. 60 VI| complice perduto nel guardare Hermione. La bionda donna non ebbe 61 VI| indicò appena, col gesto. Hermione aveva cambiato posto, adesso, 62 VI| voltarono verso il palco. Hermione aveva finito di sorridere, 63 VI| voglio sapere!~ ~— Lady Hermione Darlington. Hermione, Hermione.~ ~— 64 VI| Lady Hermione Darlington. Hermione, Hermione.~ ~— Il nome del 65 VI| Hermione Darlington. Hermione, Hermione.~ ~— Il nome del Racconto 66 VI| importa, ciò, Laura?~ ~— Hermione muore, per le colpe del 67 VI| pentimento, fa risorgere Hermione.~ ~— Sei certa di questo, 68 VI| Racconto, se vuoi leggere, di Hermione, stanotte.~ ~— No, non lo 69 VI| palco, ancora una volta lady Hermione li guardava.~ ~Ma lo spettacolo 70 VI| sono gelide a Roma! Lady Hermione, con quel mantello, pareva 71 VI| Cesare Dias che quella era Hermione, colei che portava il nome 72 VI| balconi: e la nera figura di Hermione li guardava, da dietro i 73 VI| che usciva dai balconi di Hermione. Ma non più le loro anime, 74 VI| rossa, la figura nera di Hermione vigilava, guardando la notte.~ ~— 75 VII| il giorno prima, seguendo Hermione che andava innanzi a lui, 76 VII| sull’orlo della via, vide Hermione, dal bruno e pallido volto, 77 VII| divisi. Suppongo che lady Hermione non ami che lui.~ ~— È alla 78 VII| Mi dicono che lady Hermione sia qui — aggiunse Firidolfi, 79 VIII| braccio, perché giammai Hermione accettava il braccio. Camminavano 80 VIII| daccanto, parlando piano.~ ~Hermione, in quel giorno, era vestita 81 VIII| nella consueta foggia, lady Hermione portava un cappellino di 82 VIII| questo stupendo quadro, Hermione guardava. Ritta, sulla verde 83 VIII| Voi scherzate, sempre, Hermione! Hermione, mi volete un 84 VIII| scherzate, sempre, Hermione! Hermione, mi volete un po’ di bene?~ ~— 85 VIII| fascino irresistibile di Hermione lo penetrava sino alle più 86 VIII| Andiamo viadisse lady Hermione, muovendosi dal suo posto 87 VIII| venivano a salutare lady Hermione. Ogni voltarara volta — 88 VIII| quelle quattro persone, in Hermione che sembrava uscita dalla 89 VIII| Così, nel cerchio di lady Hermione, Carafa non vi era: e incapace 90 VIII| festa, dove era lui con Hermione; si avanzava, Cesare, parlando 91 VIII| si era staccato da lady Hermione, vinto dal fascino istesso 92 VIII| riso fu sulle labbra di Hermione, mentre ella diceva:~ ~— 93 VIII| Quanto odiate l’Italia, oggi, Hermione.~ ~— V’ingannate: quell’ 94 VIII| nascondere il suo volto.~ ~— Hermione, io ho tanta paura di voi — 95 VIII| poco? — invocò Luigi, ad Hermione.~ ~— Io? Mai.~ ~— Perché?~ ~— 96 VIII| avete mai amato, è vero, Hermione?~ ~— Vi ho detto questo?~ ~— 97 VIII| poi una così triste cosa, Hermione.~ ~— Che ne sapete, se non 98 VIII| Farà caldo... — osservò Hermione, esitando.~ ~— Proviamo.~ ~ 99 VIII| si annoiano, e annoiano. Hermione si fermò sull’entrata, facendo 100 VIII| Come siete inglese, oggi, Hermione.~ ~— Povero paese lontano, 101 VIII| partite, vengo anch’io, Hermione.~ ~— Oh no! — protestò lei.~ ~— 102 VIII| Voi non ritroverete mai Hermione, laggiù — ella disse con 103 VIII| nessun giorno?~ ~— Non vi è, Hermione, in Inghilterra — ella ripetette, 104 VIII| Ancora un momento, Hermione.~ ~— Non vedete?~ ~E gli 105 VIII| allegre e squilli di risate. Hermione guardò un poco lo spettacolo, 106 VIII| che questo minuto umano di Hermione durasse e che egli potesse 107 VIII| ma voi odiate tante cose, Hermione!~ ~— Io amo di stare in 108 VIII| che egli tremò di piacere. Hermione non bevette che un sorso; 109 VIII| attardavano a merendare. Hermione e Luigi passarono accanto 110 VIII| uomo? Nulla sapevano essi: Hermione e Luigi si sentivano soli 111 VIII| ora, in quella solitudine, Hermione, Hermione dagli occhi così 112 VIII| quella solitudine, Hermione, Hermione dagli occhi così dolci e 113 VIII| sorriso e per la parola, Hermione, Hermione, l’adorata donna, 114 VIII| per la parola, Hermione, Hermione, l’adorata donna, tutta 115 VIII| dire che il suo nome:~ ~— Hermione... Hermione...~ ~Ella che 116 VIII| suo nome:~ ~— Hermione... Hermione...~ ~Ella che camminava 117 VIII| anemoni e di margherite. Hermione si fermò come indecisa.~ ~— 118 VIII| anguste, sempre più erbose, Hermione e Luigi si trovarono nel 119 VIII| scossi da un rumore, Luigi ed Hermione si voltavano, interrogando 120 VIII| delicato. Pallida era, lady Hermione: ma sulla sua fisonomia 121 VIII| colui che era accanto ad Hermione, sentire la intensa freschezza 122 VIII| stati soli, insieme, poiché Hermione nulla pareva temesse, dalla 123 VIII| latente della gente, ma avendo Hermione, intorno a sé, non so quale 124 VIII| pareva che, nell’ora suprema, Hermione non avesse più, intorno 125 VIII| Egli teneva la mano di Hermione fra le sue: ella la lasciava 126 VIII| frusciarono? Non udivano essi.~ ~— Hermione, Hermione, mi volete bene?~ ~— 127 VIII| udivano essi.~ ~— Hermione, Hermione, mi volete bene?~ ~— Io, 128 VIII| Io, Luigi?~ ~— Voi, Hermione: tu, tu, amore mio, mi vuoi 129 VIII| chi adorate voi? — chiese Hermione, col singolar tono sordo, 130 VIII| baciare.~ ~— Voi adorate me, Hermione?~ ~— Hermione, la diletta, 131 VIII| adorate me, Hermione?~ ~— Hermione, la diletta, l’adorata Hermione 132 VIII| Hermione, la diletta, l’adorata Hermione dal nome soave.~ ~— Hermione 133 VIII| Hermione dal nome soave.~ ~— Hermione Darlington, duchessa di 134 VIII| duchessa di Cleveland? Hermione che si chiamava Roseberry, 135 VIII| indomabile, e gli disse, Hermione, con un velo di tristezza 136 VIII| disse ostinatamente.~ ~— Hermione, Hermione, io ti adoro...~ ~— 137 VIII| ostinatamente.~ ~— Hermione, Hermione, io ti adoro...~ ~— Voi 138 VIII| delle braccia che cingevano Hermione si rallentò.~ ~— Sì, un’ 139 VIII| infinita, nella voce.~ ~— Hermione, Hermione, non parlare così...~ ~— 140 VIII| nella voce.~ ~— Hermione, Hermione, non parlare così...~ ~— 141 VIII| sol grido.~ ~— Chiamami Hermione — ella disse, dolcemente.~ ~— 142 VIII| Perché?~ ~— Chiamami Hermione — ella insistette, con molta 143 VIII| Non puoi chiamarmi Hermione? Non puoi dirti che mi chiamo 144 VIII| Eppure è il mio nome, Hermione — ella disse, dolcissimamente.~ ~ 145 VIII| puoi credere che io sia Hermione, Hermione Darlington, duchessa 146 VIII| credere che io sia Hermione, Hermione Darlington, duchessa di 147 VIII| tetramente — di essere Hermione e non un’altra? Ne sei certa 148 VIII| altra? Di’, sei certa?~ ~Hermione taceva; le sue mani, in 149 VIII| amoroso: tu ti ricordi, qui, Hermione Darlington...~ ~Nel bosco 150 VIII| e sparisce! Chi sei tu? Hermione? Per me, tu sei Anna. Né 151 VIII| Né tu sei certa di essere Hermione. Nulla è falso, nel dominio 152 VIII| assolutamente creduto che tu fossi Hermione Darlington, mai ho potuto 153 VIII| mi seguirai; addio.~ ~— Hermione, resta, resta, non mi lasciare!~ ~— 154 VIII| lasciare!~ ~— Tu non l’ami Hermione Darlington, perché la invochi? 155 VIII| risorta, donna, ombra, Hermione, Anna, non lo so, ma ti 156 VIII| va’, va’, addio.~ ~— O Hermione, Hermione, io ti amo!~ ~— 157 VIII| addio.~ ~— O Hermione, Hermione, io ti amo!~ ~— Non tradire — 158 IX| immobile.~ ~La duchessa Hermione passeggiava da un capo all’ 159 IX| portasse la sua persona. Lady Hermione era sola. Per qualche tempo, 160 IX| Forse, gli occhi di lady Hermione si erano stancati di leggere 161 IX| luna. Adesso, passeggiava. Hermione era vestita di seta amaranto, 162 IX| solinga passeggiata, lady Hermione aveva voluto rientrare nel 163 IX| avanzata ed era attorno a Hermione la gran pace di queste notti 164 IX| casa, innanzi alla porta. Hermione aveva gli occhi fissi sulle 165 IX| un piattello di argento. Hermione lesse, sull’aristocratica 166 IX| massima urgenzaripetette Hermione, piano.~ ~— Venga.~ ~— Qui, 167 IX| in mezzo alla terrazza, Hermione, chiusa nel mantello, con 168 IX| seriche della sua veste, Hermione fece qualche passo verso 169 IX| riverenza mondana. Poi, Hermione attese che la dama si fosse 170 IX| Allora, si guardarono. Ed Hermione vide un volto di già florida 171 IX| stellato di margherite, lady Hermione intese quale profondo senso 172 IX| reggendo a guardare il volto di Hermione.~ ~— Nulla, signora. Se 173 IX| venire — disse freddamente Hermione.~ ~Ma quella freddezza nulla 174 IX| have seen a ghost — disse Hermione, a bassa voce ripetendo 175 IX| peccato, signora? — domandò Hermione con tono grave.~ ~— Ho peccato 176 IX| peccaredisse, gravemente, Hermione. — Il peccato deturpa, avvilisce 177 IX| bisogna peccareripetette Hermione, con tono così solenne che 178 IX| male! — disse sommessamente Hermione, con quel suo accento sordo 179 IX| glacialmente e tetramente Hermione.~ ~— Io, signoradisse 180 IX| in ginocchio innanzi a Hermione.~ ~— Perché s’inginocchia?~ ~— 181 IX| Perché a me? — gridò Hermione arretrandosi, levando le 182 IX| morta... — disse vagamente Hermione, con quella sua voce lontana 183 IX| posso — disse sordamente Hermione. — Io non ho potere di far 184 IX| innanzi alle lugubri parole di Hermione. Poi, balzò in piedi, alta, 185 IX| stravolta nel viso; si accostò a Hermione, con gli occhi folli.~ ~— 186 IX| La morta? — chiese Hermione, con una paura orribile 187 IX| calmi, si calmi... — diceva Hermione, veramente tremante, veramente 188 IX| pace, pace... — mormorò Hermione, toccando leggermente la 189 IX| con gli occhi fissi su Hermione, torcendosi convulsamente 190 IX| fatela quietare! — pregò Hermione, volgendosi al cielo, tutto 191 IX| creatura, nell’angoscia.~ ~Hermione non rispose. Pregava, forse 192 IX| Lei... di me... — balbettò Hermione.~ ~— Non sei Anna? Non sei 193 IX| preghiamodisse disperatamente Hermione.~ ~La sua mano gelida, tutta 194 IX| e ardentemente oravano, Hermione suggerì :~ ~— Preghiamo, 195 IX| ardente slancio dei cuori, Hermione e Laura dissero l’invocazione 196 IX| debitoricompì gravemente Hermione, abbassando il capo sul 197 IX| più tranquilla? — chiese Hermione, a bassa voce.~ ~— Sì, la 198 IX| lasci quest’uomodisse Hermione, con quella sua voce che 199 IX| suggestionò, tristemente, Hermione.~ ~— Ella, rinunzierebbe? — 200 IX| con una tristezza immensa, Hermione.~ ~— Farò come Lei — e piegò 201 IX| poesiariprese pianamente Hermione, ma sempre con quella sconfinata 202 IX| spregevoledisse tetramente Hermione. — Speriamo.~ ~— Ah, io 203 IX| una liberazione? — domandò Hermione, guardandosi intorno mentre 204 IX| mare?~ ~— Venga — disse Hermione, conducendo Laura presso 205 IX| Fuggita, scomparsa, dileguata, Hermione Darlington, duchessa di 206 IX| La Chimera» — soggiunse Hermione, lentamente.~ ~— Torna al 207 IX| freddo... — disse vagamente Hermione, parlando come in sogno.~ ~— 208 IX| triste... — e la voce di Hermione pareva un soffio.~ ~— Qualcuno 209 IX| finalmente pronunziato da Hermione, alla fine di quel colloquio, 210 IX| Addio, signoradisse Hermione, levandosi anche lei.~ ~ 211 IX| inginocchiarsi innanzi a Hermione. Quella glielo impedì, subito. 212 IX| labbra rosse e glaciali di Hermione baciarono quelle smorte 213 IX| emanava una luce rossastra. Hermione, senza seguirla, la guardava 214 IX| In inglese, lady Hermione dava le sue istruzioni ultime 215 IX| apparteneva, nella villa, a lady Hermione e che era rimasto indietro 216 IX| chiedere notizie di lady Hermione e della sua destinazione, 217 IX| ossequio e di acquiescenza: Hermione sapeva ch’egli avrebbe obbedito, 218 IX| giunse all’orecchio di Hermione: un suono lontanissimo e 219 IX| che mai non dorme, in noi. Hermione lasciò il suo giaciglio, 220 IX| che sentì il Redentore. Hermione leggeva attentamente, levando 221 IX| fatto di un nastro rosso.~ ~Hermione andò. Senza voltarsi indietro, 222 IX| del sesso. Se ne andava, Hermione, senza dare più uno sguardo, 223 IX| quella notte di primavera. Hermione non colse le rose: ma spiccò 224 IX| bagnati dalla brina notturna. Hermione li odorò, quei fiori d’amore, 225 IX| la Chimera, portando via Hermione. Passava, tagliandolo, nel 226 IX| finissimo.~ ~Nel momento che Hermione metteva il piede sulla poppa 227 IX| cui il giovane scongiurava Hermione che lo ricevesse, solamente 228 IX| percorsa tante volte venendo da Hermione e tante volte insieme, con 229 IX| tante volte insieme, con Hermione, tornando da una delle lunghe 230 IX| aveva composti, per dirli a Hermione, quando ella gli avesse 231 IX| quella libertà di vedere Hermione, quella imminenza crescente 232 IX| parola, specialmente se Hermione non lo guardava troppo, 233 IX| accanto, era deserto: ma Hermione, talvolta, lo lasciava aspettare, 234 IX| so quale tristezza. E che Hermione non venisse, gli dava un’ 235 IX| angoscia, alla camera di Hermione, dove si proiettava un poco 236 IX| piccolo fanale rosso.~ ~— Hermione! Hermione! Hermione! egli 237 IX| fanale rosso.~ ~— Hermione! Hermione! Hermione! egli urlò, tendendo 238 IX| Hermione! Hermione! Hermione! egli urlò, tendendo le 239 IX| allontanandosi, il nome di Hermione uscì cento volte dal petto 240 IX| dove soltanto il nome di Hermione, ripetuto con un appello 241 IX| lontana.~ ~— Con la barca di Hermione... voglio raggiungerla...~ ~— 242 IX| nella lontananza.~ ~— O Hermione, Hermione, Hermione... — 243 IX| lontananza.~ ~— O Hermione, Hermione, Hermione... — mormorava 244 IX| O Hermione, Hermione, Hermione... — mormorava con un lagno 245 IX| sentì umiliato e vinto. Hermione aveva tenuto la sua parola 246 IX| Egli aveva cercato lady Hermione dovunque, per parlarle, 247 IX| quella facilità di vedere Hermione. Adesso, adesso ella era 248 IX| snella e seducente figura di Hermione Darlington, avvolta nella 249 IX| per un altro. A che amava Hermione? Il fato si burlava di lui, 250 IX| cuor suo, ancora il nome di Hermione gli saliva alle labbra in 251 IX| rientrando nella camera di Hermione, vagando dovunque, fermandosi 252 IX| unico e ultimo ricordo che Hermione gli avesse lasciato, sparendo 253 IX| infiammarsi la misteriosa anima di Hermione: ella gli aveva detto che 254 IX| dell’attesa, e impallidiva Hermione, come la donna che sente 255 IX| così, non era un sogno, ed Hermione lo aveva amato. Che profondo, 256 IX| potuto consolarlo! Pure, Hermione era partita senza salutarlo. 257 IX| indulgenza, così lunga, di Hermione era fatta di cortesia e 258 IX| raccoglimento, l’anima di Hermione aveva pensato a lui. E in 259 IX| nostalgia dell’amore di Hermione, intravveduto nelle ombre 260 IX| oggetto, un emblema. Nulla. Hermione aveva detto: Inutile. Era 261 IX| mare. Ancora, egli chiamò Hermione! Tornò verso il centro della 262 IX| non si mossero, a chiamare Hermione: le sue mani tenevano il 263 X| tristi e fatali parole di Hermione: va’, va’: non ti resta 264 X| suggestive e misteriose parole, Hermione? Nel bosco, gli pareva: 265 X| sogno, forse, il bosco ed Hermione, e il tetro consiglio? Non 266 X| gli aveva forse suggerito, Hermione, con la sua voce che pareva 267 X| aveva inutilmente amato Hermione. Sentiva il fallimento della 268 X| hai chiesto la verità ad Hermione?~ ~— Alla duchessa di Cleveland? 269 X| E che c’entra lei?~ ~— Hermione la sapeva, la verità.~ ~— 270 X| non hai mai creduto che Hermione fosse Anna?... — chiese 271 X| aspro.~ ~— Per gelosia di Hermione?~ ~— Per gelosia.~ ~— Geloso 272 X| vede impazzire per lady Hermione, perché ella è l’immagine 273 X| tortura.~ ~— L’ho detto a Hermione: l’ho detto a Hermione!~ ~— 274 X| a Hermione: l’ho detto a Hermione!~ ~— Lo sosoggiunse Cesare, 275 X| il bello yacht di lady Hermione, arrivò innanzi a Gibilterra 276 X| per la loro parente, lady Hermione, perita nel naufragio della 277 X| tempo, per i mari, cercando Hermione, non trovò tomba su cui
Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on touch / multitouch device
IntraText® (VA2) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2011. Content in this page is licensed under a Creative Commons License