Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 92 -


57. AL MEDESIMO.

Il Santo, invitandolo ad un pronto abboccamento, gli indica i mezzi da adoperare per non perdere la vocazione. Sia laudato il SS. Sacramento e Maria Immacolata!

 CIORANI, 7 APRILE 1744.

 

Questa mattina appunto ricevo la sua carissima, e mi consolo che sinora ha conservato il buon pensiero ispiratogli negli esercizî. Se parlava con me, a quest'ora già sarebbe forse fuori d'Egitto. Non occorre che io mi dilunghi più, perché è assolutamente necessario, per prendere la via corta, che parliamo a voce.

Già per sabbato prossimo, come si è appurato, sarà finito il passaggio degli Spagnuoli;1 onde per l'altra settimana l'aspetto costà senza meno, e venga per via di Salerno con qualche pretesto.

Vedo che la risoluzione ancora dura, onde mi pare che la chiamata non possa più dubitarsi che sia di Dio: perciò il non obbedire ora deve farle temere qualche gran castigo; giacché Dio molto castiga chi disprezza queste grazie particolari e così grandi, che non si dispensano a tutti.

In ricevere dunque questa mia, V. S. si doni di nuovo a Dio, mettendosi risolutamente tutto in mano sua, disposto a far tutto quello che le sarà consigliato da me; e venga fermo in questa risoluzione di metter tutta la sua volontà in mano mia, così circa la sostanza, come circa il modo e il tempo di eseguir la chiamata.

Per queste risoluzioni così grandi, è necessaria questa volontà risoluta; altrimenti darà modo al demonio o d'inquietarlo sempre nell'avvenire, o di fargli tanto procrastinare la risoluzione, sinché gliela faccia perdere, com'è succeduto a tanti. Onde, subito che può, non perda nemmeno un momento di tempo a venire. V. S. non sarebbe il primo che sarebbe qui ricevuto


- 93 -


da secolare e senza alcun Ordine, sempreché vi sono le condizioni convenienti e la volontà risoluta di esser tutto di Dio. Tra pochi giorni sappia che qui si sono ricevuti più soggetti, partiti di casa loro senza dir niente a' parenti, a' quali affatto non siamo obbligati, in queste vocazioni, a manifestar le nostre risoluzioni; anzi, col manifestarcele, vi è gran pericolo di perder la vocazione, e colla vocazione la protezione di Dio e la salute eterna.

Si metta dunque sotto i piedi ogni tenerezza de' parenti, e faccia animo: Dio lo chiama, non a qualche posto di terra, ma al gran posto di santo. Sia attento ad essergli fedele; perché Dio poi, che è così grato e fedele, vedrà subito come le accrescerà la grazia che già le sta apparecchiando. Animo dunque, e pensi che, per questo Dio così amabile e che ha fatto tanto per l'anima vostra, ogni cosa che si fa, anche il dar la vita, è poco. Attenda a dar con fortezza questo, primo passo; perché a questo starà legata la sua predestinazione e tutta l'abbondanza de' favori, che appresso Dio le prepara nel tempo e nell'eternità.

La prego in questi giorni, prima di venire, se la faccia sempre o col SS. Sacramento o col Crocifisso in camera. Cerchi di sfuggire le conversazioni quanto più si può, e procuri trattenersi quanto più può a legger libri spirituali e a fare orazione, ricevendo quanto più spesso può la comunione, perché ha bisogno di forza per vincere tutti gl'intoppi che le mette avanti l'inferno; e questa forza, solo Dio ce la può dare. Quando si vede un poco raffreddato nella risoluzione, ricorra subito a Maria Immacolata con dire: Maria Immacolata, non mi lasciare; dammi forza di essere fedele a Dio. E voltisi poi a Dio dicendo: Signore, io non sono più mio, già mi son donato a voi; datemi forza. Faccia così, ché vincerà sempre e sicuramente.

Spero che, da questa mia, intenderà e gradirà il desiderio che ho di vederla santo e tutto di Dio: e così per gratitudine preghi Gesù Cristo che mi faccia tale, quale desidero V. S. Non altro. Resto aspettandola co' miei compagni con desiderio grande. Viva Gesù, Maria, Giuseppe e Teresa!


- 94 -


Si raccomandi a S. Stanislao Kostka, acciocché le impetri fortezza di eseguir la vocazione, come questo santo giovinetto. Viva Gesù e Maria!

Acciocché le capitasse subito questa mia, ho mandato apposta in Sieti. Se non ha tempo di rispondere, non importa; basta che riceva questa mia, e venga coll'istessa buona intenzione come mi scrive. Ho saputo, dopo scritta questa, che il passaggio degli Spagnuoli, per domani mercoledì, sarà finito. Viva Gesù e Maria! Devmo ed umo servitore

 ALFONSO DE' LIGUORI del SS. Salvatore,

 Rettore Maggiore.

 

Conforme ad una antica copia.




1 In quel tempo erano grandi movimenti di guerra, in seguito alla morte dell'imperatore Carlo VI.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos