Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 53 -


553. A SUOR BRIANNA CARAFA, NEL MONASTERO DI S. MARCELLINO, IN NAPOLI.

La consola nelle sue tribolazioni, e le indica un triplice esercizio.

Viva Gesù, Maria e Giuseppe!

ARIENZO, 7 NOVEMBRE 1767 .

Non è niente, non è niente; anzi tutto va bene perché così vuole Dio. Voi piangete, ed io ne sto contento, perché vedo che Dio vi vuole santa in ogni conto, ed in questo modo si fanno i Santi.

A S. Rosa di Lima il Signore vedere molte giovinette, che segavano marmi, e l'acqua erano le loro lagrime. Non vi è rimedio: bisogna segar marmi e dar lagrime di dolore. Con tal fuoco si purga l'anima.

Io so che voi non cercate consolazioni sensibili, ma vi spaventa questa oscurità ed insensibilità alle cose più divote. Ma


- 54 -


se voi non aveste questo spavento e questa pena, ove sarebbe la prova che Dio vuol fare di voi se l'amate? E se sapeste che questa è prova di Dio, ove sarebbe più la pena?

Dice S. Francesco di Sales: Il meglio è camminare cieco fra le tenebre e perplessità in questa vita; bastando sapere dal Padre spirituale che si cammina bene, senza cercarne la cognizione. Io vi dico da parte di Dio che ora voi camminate bene; seguitate a camminar così, senza andar cercando altro.

In tre cose dovete ora esercitarvi. Primo umiliatevi: Signore, così merito io. Secondo rassegnatevi: Signore, trattatemi come volete; basta che v'ami. Terzo pregate con confidenza; e questa confidenza non è necessario che la sentiate, basta che la vogliate colla punta della volontà. Basta pertanto che dite: Signore, pietà! Gesù mio, misericordia! Mamma mia, non mi abbandonare. Dio mio, non voglio dolcezze; fate che io v'ami, e poi fate di me quello che vi piace.

Le persecuzioni esterne poi accrescono la mia allegrezza, e debbono accrescere anche la vostra.

Non v'odia Dio, no. Io vi assicuro ch'egli v'ama e voi l'amate. Oh! quanto mi piace che vi vediate così miserabile avanti a Dio! E così è; ma Dio ama i miserabili che vogliono amarlo

Mi dispiace che non abbiate trovato il libro del de Kempis. Ma voglio far diligenza e veder io, se posso trovarlo. Il libro sta sei carlini. Ho timore: può essere che sia finito.

Io séguito a pregare ogni giorno per voi, e spero che voi non vi scordiate di me.

Tirate avanti con animo grande, offerendovi a Dio di star così sino alla morte e per tutta l'eternità, se così gli piace. Ogni offerta di queste piace più a Dio, e vale più che dieci digiuni in pane ed acqua.

Lo Spirito Santo riempia il vostro cuore dell'amore di Gesù Cristo!

Di V. R.

Umo servo

ALFONSO MARIA, vescovo di Sant'Agata

Conforme ad un'antica copia.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos