Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Lettere

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 443 -


271. AL SIG. GIAMBATTISTA REMONDINI.

Gli dà notizie di una sua gravissima infermità, già superata, e di ciò che si è fatto per l'affare dei libri, e parla della stampa della Storia dell'eresie.

 

Viva Gesù e Maria!

ARIENZO, LI 25 APRILE 1773

 

Illmo Sig. Sig. e Pne colmo.

Prima di tutto voglio dare a V. S. Illma notizia della mia salute. Nell'ottava di Pasqua, sono stato vicino a passare all'altra vita; mentre ad un gran catarro di petto, ch'era venuto per uccidermi, sopraggiunse una gran febbre acuta con tre ore e mezzo di freddo: onde il medico mi disse che, se fosse sovravvenuta la seconda febbre, me ne avrebbe portato alla sepoltura. Ora sto assicurato e già, per grazia di Dio, ho cominciato a dir messa; ed ho dato di mano di nuovo a compire il libro della Passione, e de' due altri opuscoli che vi vanno


- 444 -


uniti; e se Dio mi vita, medito un'altra operetta che può riuscire di molto profitto, cioè la traduzione de' passi più difficili ad intendersi de' Salmi, in volgare; perché li facili, l'intende ognuno1.

Sento che, in Napoli, già dal Fratello della Congregazione si sta aggiustando la faccenda de' vostri libri, con chi se li vuol pigliare. Prego Dio che riesca; perché la persona che se li piglia non è molto facoltosa, ma è di buona coscienza: onde sto sicuro che non mi ruba.

Nell'altra sua, ella mi diede speranza di mettere al torchio già l'opera dell'Eresie; ora la prego di avvisarmi se ha cominciato a stamparla. E di più la prego che, se mai ha cominciato dopo che avrà stampato li due primi tometti, prima di passare avanti, fermi la stampa del terzo tometto; perché voglio mandarle una picciola correzione, la quale per altro non sarebbe necessaria, ma è utile almeno per togliere qualche equivoco.

Onde mi avvisi di tutto; mentre di nuovo con tutto l'ossequio mi rassegno

Di V. S. Illma

Divmo ed obblmo servitore vero

ALFONSO MARIA, vescovo di Sant'Agata

Conforme all'originale che si conserva nel nostro archivio generalizio di Roma.

 




1 L'opera fu compiuta e pubblicata nel 1774 col titolo: Traduzione dei salmi e de' cantici che si contengono nell'officio divino.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos