Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Novena del Santo Natale

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 61 -


Affetti e preghiere.

O mio Redentore e Dio, e chi son io che tanto mi avete amato e tanto seguite ad amarmi? Che cosa avete mai ricevuto da me, che a tanto amore vi ho obbligato, se non disprezzi e disgusti, che v'obbligano ad abbandonarmi e discacciarmi per sempre dalla vostra faccia? Ma, Signore, io accetto ogni castigo, ma non questo. Se voi mi abbandonate e mi private della vostra grazia, io non vi posso più amare. Io non pretendo di sfuggire la pena; ma voglio amarvi e voglio amarvi assai. Voglio amarvi, com'è tenuto ad amarvi un peccatore che dopo tanti favori speciali, e tanti segni d'amore da voi ricevuti, ingrato tante volte vi ha voltato le spalle; e per gusti miseri, momentanei e avvelenati ha rinunziato alla vostra grazia e al vostro amore.

Perdonatemi, amato mio Bambino, mentr'io mi pento con tutto il cuore di quanti disgusti vi ho dati. Ma sappiate che non mi contento del semplice perdono; io voglio ancora la grazia d'amarvi assai, voglio compensar quanto posso coll'amor mio l'ingratitudine che vi ho usata per lo passato. Un'anima innocente v'ama da innocente, con ringraziarvi d'averla preservata dalla morte del peccato. Io debbo amarvi da peccatore, cioè da ribelle che vi sono stato, da condannato all'inferno per tante volte, per quante me l'ho meritato; e poi tante volte aggraziato da voi e rimesso in istato di salute, e di più arricchito di lumi, d'aiuti, e d'inviti a farmi santo.

O Redentore dell'anima mia, l'anima mia già si è innamorata di voi, e v'ama. Troppo voi mi avete amato, onde vinto dal vostro amore non ho potuto più resistere a tante finezze, finalmente già mi son renduto a collocare in voi tutto l'amor mio. V'amo dunque, o bontà infinita, v'amo, o amabilissimo Dio. Accrescete voi sempre più fiamme e più saette al mio cuore. Per vostra gloria fatevi amare assai da chi assai v'ha offeso.

Maria madre mia, voi siete la speranza, il rifugio de' peccatori, aiutate un peccatore che vuol esser grato al suo Dio; aiutatemi ad amarlo e ad amarlo assai.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos